Io e …. CIRINNO’

Giornata intensa quella di sabato 30 gennaio.
Svegliarsi alle 5 per andare al Family Day di Roma e tornare con la nebbia alle 23.30 è un bel sacrificio.  Ma ne è valsa la pena?
Del resto non potevo avere con me la mia famiglia perchè i bimbi devono andare a scuola, hanno delle verifiche ed è meglio che le facciano.
Ne è valsa la pena, andare a Roma a manifestare? Direi proprio di sì.

Ne è valsa la pena appena siamo arrivati al Circo Massimo verso le  13.30-13.45: vedere il luogo già pieno con tanta gente che si incammina verso le entrate…..beh, è stato gratificante per l’anima. Del resto sospettavo già che ci sarebbe stata tanta tanta gente quando ho visto tutti quei pullman fermi con noi all’autogrill per la sosta di metà tragitto.

Ne è valsa la pena perché vedere centinaia di migliaia di persone…no…non persone…ma mamme, papà, bimbi, giovani, diversamente giovani, provenienti da tutta Italia (sì, da Bolzano a Palermo) e tutti là a gridare che il ddl Cirinnà va ritirato (bellissimo lo striscione CirinNO’), beh, questo ti gratifica l’animo.
Sai che non sei solo, tutti gli insulti presi alle sentinellate e su facebook non li senti più.

Cirinnò-è-diventato-uno-degli-slogan-della-giornata-990x622Ne è valsa la pena perché senti Costanza, Adinolfi, Amato, Gandolfini, la Ruiu, la californiana, la croata, l’ungherese e tutti gli altri gridare cose ovvie ma che ovvie non sono più: dobbiamo sguainare le spade per dire che le foglie sono verdi in estate che in questo caso significa dire che i bimbi non si comprano e non si fabbricano, i bimbi hanno bisogni di una mamma e un papà (a questo serve l’adozione), i figli non sono un diritto ma un dono, che le donne non si schiavizzano, non si sfrutta la loro condizione di povertà per estorcere i loro ovuli e usare il loro ventre per portare avanti la gravidanza di un bimbo non loro ma che nascerà già orfano di padre e di madre.

Ne è valsa la pena, andare a Roma e gridare all’unisono: Il ddl Cirinnà va ritirato !!  Renzi ci ricorderemo !!!! cioè – in una parola – CirinNO’ !!

Una menzione particolare per Costanza: nel suo intervento ha ricordato la cosa ovvia che è nella famiglia – dove le diversità dell’uomo e della donna sono chiamate ad accogliersi e a perdonarsi l’un l’altra per il bene dei figli – che i cristiani devono avere il coraggio di alzarsi in piedi (come chiedeva San Giovanni Paolo II) per ricordare con fermezza a tutti che la famiglia è un bene della società e che specialmente le donne sono, per costituzione, chiamate a custodire il gran dono della vita e ad accogliere e proteggere la vita dei più deboli.
Un bravo ancora per Costanza che ieri sera (31 gennaio ndr) su La7 ha tenuto testa a 5 uomini, tra cui i due conduttori: chi è libero da preconcetti avrà sicuramente notato come il suo continuo sorriso, la sua calma e la capacità di fermarsi senza controbattere quando la interrompevano (che fatica deve essere stata per una donna!) hanno ampiamente vinto contro gli slogan, i sorrisini ironici, l’aggressività e le domande trabocchetto degli interlocutori.

Ma che fatica deve essere stata quando si è sentita dire che lei è  “un concetto antropologico”…..essere madre è un concetto….capito!!!

Ragazzi, se qualcuno avesse ancora dubbi: fuori le spade per gridare che le foglie sono verdi d’estate, fuori le spade per combattere la buona battaglia della fede non contro le persone ma (come è stato ricordato anche al Family Day) contro le ideologie che distruggono, abbruttiscono l’uomo… fuori le spade e… CirinNO’ !!!

Igor Filippini

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Family Day

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...